Carta di Pisa approda in Consiglio Comunale

Ad oltre un anno dalle prime promesse fatte in campagna elettorale e dopo le innumerevoli parole spese a riguardo, la tanto discussa questione “Carta di Pisa” approda in Consiglio Comunale (con una mozione della minoranza).
Il documento etico, che negli ultimi tempi si è evoluto nella “Carta di Avviso Pubblico”, pone limiti ancora più stringenti a quelli posti dalla legge per quanto riguarda trasparenza, anticorruzione, doppi incarichi, conflitti d’interesse ecc.. da parte degli amministratori.
Con la mozione di lunedi potrebbe essere data una seria risposta da parte di tutto il Consiglio Comunale in merito alla volontà di combattere questo malessere soprattutto in un territorio che non è certo esente da queste problematiche, in un comune che nel recente passato ha vissuto sulla propria pelle questioni simili, a maggior ragione in un’amministrazione che fin dall’inizio del suo mandato ha sempre detto di voler fare della trasparenza uno dei propri cavalli di battaglia.
Siamo certi che il gruppo PD Chiari, più volte bacchettato sull’argomento dal nostro movimento sulla MANCATA adesione e sul MANCATO rispetto e dopo le parole del sig.Romani (Coordinatore dell’associazione Avviso Pubblico), abbia cambiato la propria visione del presente codice e mantenga la PROMESSA fatta a maggio dello scorso anno.
Chiediamo in particolar modo di fare una profonda riflessione sulla responsabilità che scelte come queste hanno anche verso le giovani generazioni, che ci osservano e a cui vanno sempre garantiti credibilità e il mantenimento delle promesse fatte. Le giovani generazioni, lo sottolineiamo, saranno gli adulti e gli amministratori di domani.
Vista l’importanza dell’argomento e vista la credibilità delle scelte di alcuni amministratori, invitiamo tutti a partecipare al Consiglio Comunale, lunedi alle ore 20:30 presso il Salone Marchetti.